Share PDF

Search documents:
  Report this document  
    Download as PDF   
      Share on Facebook

AL COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI

 

 

Bologna

 

 

Descrizione:

PROGETTO

 

 

 

 

 

 

 

ai sensi del D.P.R. n° 151 del 01/08/2011 e D.M. 7/08/2012

 

Proprietà:

G7 s.r.l.

 

Timbro e Firma della proprietà:

 

il gelataio

 

 

 

 

 

 

 

Via Romagnoli, n°19

 

 

 

Bentivoglio (BO)

 

 

A cura di:

 

 

 

 

 

IM.TECH S.r.l.

 

 

 

Via Musolesi 1/a

Via Aspromonte, 23

 

 

40138 - BOLOGNA

40026 - Imola (BO)

 

 

Tel. 051/302178 - Fax 051/302633

Tel. 0542/29331 - Fax 0542/29029

 

 

E-mail: info@imtechsrl.com

E-mail: info@imtechsrl.com

 

 

http: //www.imtechsrl.com

 

 

Elenco documenti

 

 

PIN1

Domanda di Valutazione del Progetto

 

allegato

RT1

Relazione Tecnica di Prevenzione Incendi

 

 

AG1

Planimetria Piano Terra con indicazione dei presidi antincendio

allegato

e Sezioni

 

 

 

 

 

 

AG2

Planimetria Piano Primo e Secondo con indicazione dei presidi

allegato

antincendio

 

 

 

 

 

 

Data:

Timbro e firma del Tecnico:

Fascicolo n°:

 

18 Dicembre 2012

 

 

 

Eseguito da:

 

RT1

Ing. Andrea Bartolini

 

 

 

 

 

Rev. 0.2 - 20/10/2011

 

 

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

INDICE

1 RIFERIMENTI TECNICI..................................................................................................................................

1

2 RIFERIMENTI NORMATIVI............................................................................................................................

2

3 GENERALITA’ RICHIEDENTE ......................................................................................................................

3

4 ATTIVITÀ SOGGETTE AL CONTROLLO VV.F. ...........................................................................................

3

5 UBICAZIONE

..................................................................................................................................................

 

3

6 INFORMAZIONI ..........................................................................................................................GENERALI

3

7 ATTIVITA’ NON ...........................................REGOLATE DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDI

5

 

 

7.1 .................................................................

INDIVIDUAZIONE DEI PERICOLI DI INCENDIO

5

7.1.1

Destinazione .........................................................................................................................................d’uso

5

7.1.2

 

sostanze pericolose e loro modalita’ di stoccaggio.........................................................................................

6

7.1.3

Carico ..........................................................................................................................................di incendio

9

7.1.4

Impianti .....................................................................................................................................di processo

16

7.1.5

 

LAVORAZIONI, macchine, apparecchiature ed attrezzi.............................................................................

16

7.1.6

movimentazioni ................................................................................................................................interne

17

7.1.7

Impianti ....................................................................................................................tecnologici di servizio

17

7.1.8

aree .................................................................................................................................a rischio specifico

18

 

 

7.2 ...........................................................

DESCRIZIONE DELLE CONDIZIONI AMBIENTALI

18

7.2.1

 

condizioni di accessibilita’ e viabilita’ .........................................................................................................

18

7.2.2

lay-out ........................................................................aziendale (distanziamenti, separazioni, isolamento)

18

7.2.3

caratteristiche ...........................................................................................................................degli edifici

19

7.2.4

aerazione.......................................................................................................................................................

20

7.2.5

affollamento .................................................................................................................................................

20

7.2.6

vie di ...................................................................................................................................................esodo

21

 

 

7.3 ................................................

VALUTAZIONE QUALITATIVA DEL RISCHIO INCENDIO

23

 

 

7.4 ................

COMPENSAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO (STRATEGIA ANTINCENDIO)

25

7.4.1

Segnaletica ...................................................................................................................................................

26

7.4.2

Illuminazione .........................................................................................................................di Emergenza

26

7.4.3

Estintori ........................................................................................................................................................

26

7.4.4

Rete .................................................................................................................................idrica antincendio

27

7.4.5

Impianto ................................................................................................di segnalazione e allarme incendio

29

 

 

 

 

 

29

7.4.6

Impianto di RILEVAZIONE AMMONIACA..............................................................................................

 

 

7.5 .........................................................................................

GESTIONE DELL’EMERGENZA

29

7.5.1

 

Gestione della Sicurezza...............................................................................................................................

29

7.5.2

 

Classificazione del livello di rischio d’incendio...........................................................................................

31

7.5.3

Piano ......................................................................................................................................di emergenza

31

8 ATTIVITA’ REGOLATE ..................................................DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDI

31

 

 

8.1 .................................................................................................................

Centrale Termica

31

 

 

8.2 ..............................................................................................

Centrali Frigo ad Ammoniaca

32

 

 

8.3 .............................................................................................................

Deposito oli vegetali

32

Allegati Grafici

AG1 Planimetria Piano Terra con indicazione dei presidi antincendio e Sezioni

AG2 Planimetria Piano Primo, Secondo e Copertura con indicazione dei presidi antincendio

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. I

BARTOLINI Ing. Andrea

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

1 RIFERIMENTI TECNICI

Il riferimento tecnico della presente relazione è da intrattenersi con la società:

IM.TECH S.r.l.

Via Musolesi n. 1a-1b 40138 BOLOGNA

Tel. 051/302.178 - Fax 051/302.633

Via Aspromonte n. 23 40026 IMOLA (BO)

Tel. 0542/29.331 - Fax 0542/29.029

nelle persone di:

c/o sede di BOLOGNA

• SERMASI Ing. Giuseppe

iscritto all’Albo degli Ingegneri di Bologna al n. 3594 (Elenco Min. Int. BO 3594 I 308)

•

iscritto all’Albo degli Ingegneri di Bologna al n. 6398/A (Elenco Min. Int. BO 6398 I 594)

c/o sede di IMOLA

• BENDANTI Ing. Claudio

iscritto all’Albo degli Ingegneri di Bologna al n. 5303 (Elenco Min. Int. BO 5303 I 0434)

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

2 RIFERIMENTI NORMATIVI

•D.P.R. 151/2011

•D.M. 30/11/1983

•D.M. 10/03/1998

Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, (…)

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi.

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro.

•D.M. 7/08/2012

•D.M. 16/02/2007

Disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare, ai sensi dell’articolo 2, comma 7 del decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n. 151.

Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed altri elementi costruttivi di opere da costruzione.

•

D.M. 09/03/2007

Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle

 

 

attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del

 

 

fuoco.

•

D.M. 12/04/1996

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per

 

 

la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti

 

 

termici alimentati da combustibili gassosi

•Regio Decreto n° 147 del Approvazione del regolamento speciale per l'impiego dei gas

09/01/1927

tossici

• D.M. 10/06/1980

Riconoscimento di efficacia di sistemi di sicurezza applicati

 

agli impianti frigoriferi industriali ad ammoniaca

•D.Lgs. 9/04/2008 n. 81 e s.m. Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in

materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

• Norme tecniche

U.N.I., C.E.I., …

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 2

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

3 GENERALITA’ RICHIEDENTE

Ragione Sociale: G7 s.r.l.

Domicilio: Via Romagnoli n°19 – 40010 – Bentivoglio – (BO)

Precedenti Riferimenti VV.F.: Nuova Attività

Tipo di Intervento: Nuova Attività

4 ATTIVITÀ SOGGETTE AL CONTROLLO VV.F.

Le attività soggette a controllo VV.F. che saranno presenti all’interno dello stabilimento G7 s.r.l., risulteranno individuate ai punti 70.2.C, 74.3.C, 12.3.C, 1.1.C di cui all’allegato I del D.P.R. 151/2011.

N.

Attività

Categoria

 

 

 

70

Locali adibiti a depositi di superficie lorda superiore a 1000 m2 con

2.C

 

quantitativi di merci e materiali combustibili superiori

 

 

Oltre 3000 m2

 

complessivamente a 5.000 kg

 

 

 

 

74

Impianti per la produzione del calore alimentati a combustibile solido,

3.C

 

[…] con potenzialità superiore a 116 kW

 

 

Oltre 700 kW

 

 

 

12

Depositi e/o rivendite di liquidi infiammabili e/o combustibili e/o oli

3.C

 

lubrificanti, diatermici, di qualsiasi derivazione, di capacità

 

 

geometrica complessiva superiore a 1 m3

Superiore a 50 m3

 

 

 

1

Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas

1.C

 

infiammabili e/o comburenti con quantità globali in ciclo superiori a

 

 

25 Nm3/h.

 

 

 

 

5 UBICAZIONE

Lo stabilimento G7 s.r.l. sarà realizzato nella zona industriale di Bentivoglio (BO), in Via Romagnoli n° 19.

6 INFORMAZIONI GENERALI

L’azienda G7 s.r.l. sarà impegnata nella produzione industriale di gelati.

L’area occupata entro il perimetro aziendale sarà di circa 8700 m2 di cui 4790 m2 coperti al piano terra, 560 m2 al piano primo e 500 m2 al piano secondo.

Saranno impiegati circa 175 addetti suddivisi in circa 140 per la produzione e 35 negli uffici L’orario di lavoro sarà in genere dalle 8 alle 20 organizzato su due turni di lavoro.

Qualora siano presenti, saltuariamente ed occasionalmente, addetti alla produzione anche nelle restanti ore della giornata se ne terrà conto, nella gestione delle emergenze, in modo tale che sia sempre presente almeno un addetto della squadra antincendio.

Si distingueranno le seguenti fasi produttive:

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 3

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

-Produzione

-Confezionamento

-Imballaggio

-Deposito

-Carico Scarico

-Attività Amministrative

Le materie prime, i semilavorati, il prodotto finito, gli imballaggi, i detergenti e i sanificanti (questi ultimi con infiammabili in quantità molto minore di 1 m3) verranno stoccati in magazzini appositamente riservati ed attrezzati.

I magazzini delle materie prime e semilavorati saranno zone di stoccaggio a temperatura ambiente oppure celle refrigerate (Temperatura < + 4°C) o di congelamento (-25°C- -20°C).

Le materie prime saranno costituite prevalentemente da zucchero, latte, glucosio e olio vegetale (in genere di cocco) e in quantità minori da marmellate, frutta secca, cacao, cioccolato ed altri prodotti similari per la variegatura.

Tra le materie prime, il latte, l’olio di cocco e gli sciroppi di glucosio saranno stoccati in apposite cisterne, all’esterno dello stabilimento di produzione sul lato Nord. Da qui, attraverso tubazioni in parte a vista e in parte interrate giungeranno fino alla tramoggia nelle quantità prestabilite e da qui verranno immesse negli impianti produttivi.

Il prodotto seguirà poi le diverse fasi di pastorizzazione, mantecatura, maturazione, fino al confezionamento e infine allo stoccaggio.

Tra gli impianti presenti, quelli di maggior rilievo dal punto di vista del rischio incendio sono costituiti dalle n°2 centrali di refrigerazione ad ammoniaca.

I quantitativi di NH3 in ciclo saranno rispettivamente di 600 kg per la centrale sul lato Nord-Est e di 1000 kg in quella sul lato Sud-Est.

Entrambi gli impianti saranno realizzati nel rispetto di quanto previsto dal Regio Decreto 147 del 9/01/1927 e D.M. 10/06/1980 (Si veda attività specifica nel seguito della presente).

Alcune fasi produttive utilizzeranno vapore d’acqua prodotto nella Centrale Termica a metano installata sulla copertura al secondo piano.

I prodotti confezionati finiti verranno infine stoccati nelle celle di congelamento adiacenti al reparto di produzione e alla zona di spedizione

Gli imballi saranno stoccati nel magazzino apposito sul lato Nord-Est.

Si sottolinea però che la maggior parte degli imballi verrà comunque stoccata nel magazzino isolato e separato rispetto a quello in oggetto, sito di via Romagnoli, 17 per il quale è in essere la pratica VV.F. n° 56409 e un progetto approvato con nota prot.13891/2012 in corso di realizzazione.

Nel confine di proprietà, lato Nord-Est, sarà presente un varco che consentirà il passaggio dei carrelli elevatori elettrici dal suddetto magazzino a quello in oggetto.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 4

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

Poiché il fabbricato in cui è ubicato il magazzino prat. N° 56409, è occupato anche dalla ditta Limoni S.p.A.(in effetti la pratica è cointestata), non risulta ragionevole mantenere lo stesso numero anche per lo stabilimento produttivo in oggetto.

Si sottolinea anche che sulla copertura del magazzino prat. 56409, verrà installato un’impianto Fotovoltaico, conforme alle linee guida VV.F. prot.1324/2012 e 6334/2012, che alimenterà però il fabbricato produttivo in oggetto; tant’è che il pulsante di sgancio dell’impianto sarà situato nella cabina elettrica lato Nord-Est del fabbricato produttivo stesso.

Altra specifica comune tra i due fabbricati sarà quella di avere una rete idrica antincendio condominiale comune, alimentata dallo stesso gruppo di spinta e riserva idrica, in considerazione del fatto che si tratta della stessa proprietà, G7 s.r.l, ed in modo da minimizzare i costi di realizzazione.

Per il sito in oggetto si individuano infine nelle aree esterne, zone a verde, asfaltate o cementate, utilizzate, in alcuni casi per depositare bancali in legno con impilaggi anche di 8-10 m.

7 ATTIVITA’ NON REGOLATE DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDI

Attività 70.2.C.

Locali adibiti a depositi di superficie lorda superiore a 1000 m2 con quantitativi di merci e materiali combustibili superiori complessivamente a 5.000 kg

7.1INDIVIDUAZIONE DEI PERICOLI DI INCENDIO

7.1.1DESTINAZIONE D’USO

Come detto l’insediamento si svilupperà su tre piani fuori terra per una superficie coperta totale di circa 5730 m2, di cui 4670 al piano terra, 560 al primo e 620 al secondo.

La gran parte della superficie al piano terra sarà destinata a magazzini refrigerati (<4°C e –20°C) e non.

Piano

AREA

m2

Terra

 

 

Reparti di produzione

1577

 

 

 

 

 

Lavaggio Attrezzature

65

 

 

 

 

celle B.T. di stoccaggio (- 20°C)

2010

 

 

 

 

magazzino imballi con relativa zona disimballo

180

 

 

 

 

magazzino materie prime e semilavorati a temperatura refrigerata

80

 

 

 

 

Magazzino materie prime

127

 

 

 

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 5

Relazione tecnica di prevenzione incendi NUOVO INSEDIAMENTO

 

Ricevimento merci

133

 

 

 

 

Laboratorio Preparazione dosi

25

 

 

 

 

Spedizione

132

 

 

 

 

Pallettizzazione in Cella

34

 

 

 

 

Centrale Frigo Ammoniaca Nord

29

 

 

 

 

Centrale Frigo Ammoniaca Sud

99

 

 

 

 

Locale Quadri Elettrici Centrale Frigo Ammoniaca Sud-Est

18

 

 

 

 

Cabina Elettrica Sud-Est

18

 

 

 

 

Uffici, spogliatoi e servizi

249

 

 

 

 

Cabine Elettriche Esterne Nord-Est

50

 

 

 

 

 

 

Piano

Produzione

127

Primo

 

 

Uffici, spogliatoi e servizi

249

 

 

 

 

 

Sala Macchine Unità Trattamento Aria

18

 

 

 

 

Ambulatorio

16

 

 

 

 

Laboratorio Analisi

15

 

 

 

 

Locale Pompe H2O (Sottostazione CT)

27

 

 

 

 

 

 

Piano

Uffici, spogliatoi e servizi

446

Secondo

 

 

Centrale Termica

32

 

 

 

 

 

Centrale Frigo Ammoniaca Sud

119

 

 

 

7.1.2SOSTANZE PERICOLOSE E LORO MODALITA’ DI STOCCAGGIO

Il sito in oggetto sarà caratterizzato principalmente dallo stoccaggio di materiali combustibili e cioè principalmente degli imballi del gelato.

Occorre fin da subito sottolineare che il gelato contiene in media il 70% di umidità ovvero è possibile individuarne una percentuale di materia secca pari al 30% sul totale del peso, poiché costituito in media dal 60% da latte e da circa 10 % da grassi vegetali, più i vari prodotti di variegatura (frutta, cioccolato, etc) (Fonte http://it.wikipedia.org/wiki/Gelato).

Tale prodotto dunque può essere considerato difficilmente combustibile, se non addirittura incombustibile, di per sé.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 6

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

In effetti il potere calorifico di ogni materiale diminuisce con l’aumentare dell’umidità poiché parte dell’energia si consuma con l’evaporazione dell’acqua in ragione di circa 2,44 MJ per ogni kg di H2O.

Per confronto ad esempio, prendendo come riferimento da letteratura il potere calorifico del legno, al variare dell’umidità si vede che legna con il 15% di umidità ha il valore classico di 17,5 MJ/kg, mentre con il 75% di umidità si scende fino a 3 MJ/kg (cfr. “Il potere calorifico del legno” di B. Hellrigl)

Il gelato risulterà inoltre stoccato, nella fase di prodotto finito, in celle a temperatura di circa 20 gradi sotto zero, già pallettizzato e su scaffalatura di altezza fino a 8-10 m.

E’ chiaro che le bassissime temperature di stoccaggio contribuiranno in maniera significativa nel rendere molto più improbabile una possibile ignizione dei materiali combustibili.

Alla luce di tali considerazioni si ritiene di poter considerare il gelato incombustibile e di poterne trascurare il contributo al carico di incendio.

Volendolo comunque considerare, si potrebbe prenderne il residuo secco, pari ad 1/3 del peso totale, ed attribuirgli il potere calorifico medio delle materie prime che lo compongono .

Nei calcoli si è tenuto conto di ciò, a vantaggio di sicurezza, aumentando i quantitativi degli imballi secchi (cartone, plastica e legno) e trascurando quindi il gelato.

In realtà ci si attende che l’umidità contenuta nel gelato non solo renda incombustibile il gelato stesso, ma che contribuisca anche ad abbassare il potere calorifico degli imballi presenti, visti i notevoli volumi di prodotto finito presenti e dunque la grande quantità di H20 coinvolta in un eventuale incendio, ovviamente nelle celle frigo.

Quindi in definitiva la gran parte dei materiali combustibili sarà dunque costituita dagli imballi e cioè da scatole in cartone, materiali plastici (vaschette in polipropilene o poliuretano espanso, pellicole da imballo etc.) e pallet in legno.

Volendo fare una stima della composizione dei diversi pallet e dunque delle quantità medie di combustibili presenti per bancale, si possono fare le seguenti considerazioni:

-Saranno prodotte diverse tipologie di vaschette di gelato che vanno dagli 80 g (peso netto di gelato) fino a 1 kg, e in quantità minori confezioni da 2,6 kg. Il peso medio della vaschetta da 80 g in polipropilene è di 13 g, fino ai 90 g per la vaschetta da 1 kg.

-Le vaschette saranno confezionate in scatole di cartone che indicativamente peseranno dai 90 g per il formato 80 g fino a 180 g per il formato da 1 kg.

-Ad esempio una delle tipologie di bancale con più imballo, per le confezioni da 80g è composta da 264 scatole di cartone ciascuna contenente 12 vaschette di plastica con 80 g di gelato da cui si trova un totale di carta 24 kg (264 x 90 g), plastica 41 kg (264 x 12 x 13g) , gelato 254 kg (264 x 12 x 80g) e legno 15 kg.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 7

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

-Resta inteso che, vista la notevole diversità dei formati previsti sia per le vasche, che per i cartoni, che per i pallet completi e considerato il cambiamento continuo dei sistemi packaging, si potranno avere anche bancali con 1/5 dei quantitativi indicati per l’esempio suddetto.

-Dunque, volendo individuare un “bancale tipo” si può prendere un peso medio materiali per Bancale: Carta 10 kg, Polipropilene 10 kg, Gelato 100 kg, Legno 10 kg

Quella svolta è, come detto, assolutamente una stima indicativa, in modo da poter valutare le quantità di materiali presenti, semplicemente dal numero di posti pallet occupati.

E’ chiaro che, al di là della stima del peso medio degli imballi di un “bancale tipo” si riferirà il tutto, alla fine dei calcoli, a quantità complessive di materiali plastici, carta e legno, che dovranno essere sempre verificati per poter mantenere la classe di riferimento calcolata per i due comparti principali, (che vedremo essere 30 per l’area Nord e 60 per l’area Sud).

Altra considerazione che è necessario fare è che la concentrazione più elevata di materiali si avrà proprio nelle celle di refrigerazione e nei magazzini imballi, mentre nelle restanti aree produttive non si avranno stoccaggi particolari.

Ultima e importante osservazione, di cui si è tenuto conto nel calcolo del carico di incendio, è che i posti pallet disponibili nelle diverse celle e magazzini, in realtà saranno sempre superiori alla reale quantità stoccata ovvero non si avrà mai un completo utilizzo di tutti i posti

Negli uffici infine si individuano esclusivamente materiali di arredo (legno e materiali plastici), attrezzature quali PC, stampanti, cancelleria e simili e documenti cartacei; tutti materiali riconducibili dunque a carta, legna e plastica.

Per poter ridurre i quantitativi di materiali da imballo nella sede produttiva oggetto della presente e mantenere quindi solo quelli strettamente necessari al ciclo produttivo giornaliero, è bene ricordare nuovamente che la ditta G7 s.r.l. avrà a disposizione un deposito, isolato e a distanza di circa 20 m da quello in oggetto, per il quale è in essere la pratica VV.F. n° 56409 e un progetto approvato con nota prot.13891/2012 in corso di realizzazione.

Sul confine di proprietà, lato Nord-Est, sarà presente una apertura che consentirà il passaggio dei carrelli elevatori per poter movimentare appunto gli imballi dal magazzino prat.56409 al sito produttivo in oggetto.

Per quanto riguarda gli oli vegetali, si individueranno alcuni silos all’esterno sul lato Nord, di capacità prevista attorno ai 60 m3, dotati di bacino di contenimento e dai quali partiranno le tubazioni di adduzione con destinazione la tramoggia della zona produttiva centrale. Gli oli arriveranno sempre nelle quantità già previste e dosate e inseriti direttamente, insieme agli altri ingredienti, in ciclo. Non si avranno mai cioè grandi quantitativi di oli vegetali puri all’interno della produzione.

Per quanto riguarda i materiali infiammabili invece, si avranno principalmente il gas metano degli impianti termici e l’ammoniaca delle n°2 centrali frigorifere.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 8

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

Per l’ammoniaca non saranno previsti veri e propri depositi ma l’intera quantità prevista (600 kg per la centrale area Nord e 1000 kg per quella Sud) saranno in ciclo.

Gli impianti ad ammoniaca saranno gestiti in conformità a quanto previsto dal R.D. 147 del 9/1/27 e dal D.M. 10/06/1980, come meglio esplicitato nel seguito della presente relazione.

Saranno presenti anche eventuali prodotti per la pulizia infiammabili ma sempre in quantitativi di gran lunga inferiori al metro cubo e stoccati su apposito bacino di contenimento ed in armadio metallico se all’interno della produzione.

Sul lato ovest del complesso saranno infine presenti silos per lo stoccaggio di soda caustica e acido nitrico utilizzati nei processi di pulizia e disinfezione degli impianti

7.1.3CARICO DI INCENDIO

Ai sensi del Decreto del Ministero dell’Interno 9 marzo 2007: “Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco”, il Carico d'Incendio Specifico di Progetto è il carico d'incendio specifico (carico di incendio riferito all'unità di superficie lorda espresso in MJ/m2) corretto in base ai parametri indicatori del rischio di incendio del compartimento e dei fattori relativi alle misure di protezione presenti.

Esso costituirà la grandezza di riferimento per le valutazioni della resistenza al fuoco delle costruzioni. Il valore del carico d'incendio specifico di progetto (q f,d) è determinato secondo la seguente relazione:

dove:

q f

=fattore che tiene conto del rischio di incendio in relazione alla dimensione del compartimento.

=fattore che tiene conto del rischio di incendio in relazione al tipo di attività svolta nel compartimento.

=fattore che tiene conto delle differenti misure di protezione.

=valore nominale del carico d'incendio specifico.

Di seguito sono riportati i calcoli del carico di incendio per i locali che compongono l’insediamento.

CALCOLO DEL CARICO D’INCENDIO

Il calcolo del carico d’incendio verrà effettuato sia considerando la superficie singola dei depositi che quella complessiva, per tenere conto di eventuali concentrazioni e determinare un limite massimo di stoccaggio nelle diverse aree, uffici compresi.

In merito ai calcoli svolti si sottolinea che:

™ Il gelato è stato trascurato in considerazione del fatto che contiene il 70% di H2O.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 9

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

™In ogni caso le quantità di imballi previste sono maggiori di quelle realisticamente presenti e volendo fare una stima del contributo del gelato al carico di incendio possono essere sostituite con la parte secca del gelato in ragione di 1:3 per la carta e legno e di 1:6 per la plastica. Cioè si può sostituire la presenza di 1 kg di carta o legno con 3 kg di gelato, oppure 1 kg di plastica con 6 kg di gelato, considerando il 30% di residuo secco con 20 MJ/kg di potere calorifico.

™I quantitativi di materiali inseriti nel calcolo sono quelli stimati come massimo stoccabile mantenendo come limite di riferimento le classi calcolate. Vale a dire che normalmente i quantitativi saranno inferiori.

™Le strutture portanti delle diverse aree saranno compatibili con le classi calcolate in termini di resistenza al fuoco

™Ai fini del carico di incendio tutti i materiali plastici sono stati ricondotti al polipropilene, che con 40 MJ/kg è il valore più elevato in letteratura per gli stessi e dunque utilizzabile in generale per tutti (polietilene, PVC, polistirene, poliuretano espanso, pellicola etc).

™Per le materie prime, il valore del potere calorifico assunto 20 MJ/kg, che è una ragionevole media di quello relativo agli ingredienti principali presi a riferimento che sono: Latte in Polvere 20 MJ/Kg, Cacao in polvere 21, Caffè 17, Cereali 17, Cioccolata 26, Farina 17, Frutta secca 13, Olio vegetale 42, Burro 38, Uova in polvere 21, Zucchero 17. (da G. Elifani)

™I materiali principali inseriti nei calcoli sono carta, legno e plastica. Questi potranno variare in proporzione (in ragione ad esempio di 2kg di carta in sostituzione di 1 kg di plastica considerando 20 MJ/kg della carta rispetto ai 40 MJ/kg del polipropilene etc.). La classe calcolata non verrà comunque mai superata anche variando in proporzione queste tipologie di materiali.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 10

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

CELLE BT AREA NORD 846 m2

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 11

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

MAGAZZINI IMBALLI E MATERIE PRIME LATO NORD-EST 400 m2

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 12

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

INTERO COMPARTO AREA NORD 2200 m2

Si precisa che il calcolo è riferito all’intero comparto AREA NORD, e comprende, a vantaggio di sicurezza anche i materiali previsti ai piani primo e secondo.

In ogni caso in ogni singola area verranno evitate concentrazioni di materiale e verrà mantenuto il limite previsto di 450 MJ/m2 pari ad una classe 30.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 13

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

CELLA BT AREA SUD 1100 m2

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 14

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

INTERO COMPARTO AREA SUD 2200 m2

Anche in questo caso il calcolo è riferito all’intero comparto AREA SUD e comprende anche i materiali previsti ai piani primo e secondo. In ogni area verrà mantenuto comunque sempre il limite di 900 MJ/m2 ovvero la classe 60.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 15

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

Riassumendo quindi i quantitativi di materiali combustibili presenti nell’intero stabilimento G7 s.r.l. saranno:

Tipologia

Quantità (Kg)

 

 

Materiali Plastici

41.000

 

 

Legno

54.000

 

 

Carta e Cartone

36.000

 

 

Materie Prime Gelato

14.000

 

 

Gelato

Minimo 500.000

 

 

7.1.4IMPIANTI DI PROCESSO

Gli impianti presenti saranno sostanzialmente quelli destinati alla lavorazione del gelato.

Non si individuano tra essi particolari problematiche dal punto di vista dell’incendio, trattandosi fondamentalmente di processi a freddo o che al più utilizzano vapore d’acqua prodotto nella centrale in copertura.

Gli impianti frigorifero ad ammoniaca invece saranno fondamentali nel garantire le temperature necessarie per il prodotto. Questi impianti verranno realizzati in conformità al R.D. 147 del 9/01/1927 e al D.M. 10/06/1980.

Sarà presente infine un impianto di compressione aria installato sul lato Nord- Ovest del fabbricato. Sempre sul lato Nord-Ovest sarà presente una vasca per la raccolta delle acque di condensa che si formano durante le fasi di raffreddamento delle varie celle.

7.1.5 LAVORAZIONI, MACCHINE, APPARECCHIATURE ED ATTREZZI

ARRIVO MATERIE PRIME E DEPOSITO

Le materie prime arriveranno nelle due zone di carico-scarico e saranno depositate nei diversi magazzini a seconda della temperatura prevista di conservazione.

Per le materie prime principali quali latte, oli vegetali e zucchero, è previsto invece lo stoccaggio all’esterno nei silos dell’area nord.

Per la movimentazione è previsto l’utilizzo di carrelli elevatori elettrici e di transpallet. LAVORAZIONI

Le lavorazioni saranno a freddo oppure con utilizzo di vapore d’acqua e verranno effetuate nei diversi macchinari presenti nelle aree produttive.

Le materie prime principali stoccate nei silos esterni arriveranno in produzione attraverso tubazioni, nelle dosi già prestabilite e verranno opportunamente miscelate per la produzione del semilavorato.

I prodotti per la variegatura invece saranno principalmente stoccati nei silos dell’area produttiva sud.

L’ultima parte del confezionamento avverrà manualmente nel reparto produttivo area nord.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 16

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

DEPOSITO E SPEDIZIONI

I gelati verranno dunque imballati e depositati nelle celle a bassa temperatura (-20°C) prevalentemente su scaffalatura.

7.1.6MOVIMENTAZIONI INTERNE

Per tutte le operazioni di movimentazione interna verranno utilizzati carrelli elevatori, a trazione elettrica e transpallet.

L’area di ricarica carrelli elevatori sarà esterna allo stabilimento.

L’area sarà realizzata in conformità a quanto prescritto dal D.Lgs. 81/08, cioè risulterà:

•Ben ventilata;

•Non conterrà apparecchi elettrici o termici;

•Illuminata secondo le disposizioni del D.Lgs. 81/08;

•Sarà esposto, in prossimità della zona, un avviso richiamante il divieto di fumare e di introdurre lampade od altri oggetti a fiamma libera.

•Dotata di segnaletica conforme al D.lgs 81/08

7.1.7 IMPIANTI TECNOLOGICI DI SERVIZIO

Impianti elettrici e di protezione

Tutte le apparecchiature, i materiali, le installazioni, gli impianti elettrici e di messa a terra dell’edificio saranno realizzati in conformità a quanto prescritto dalla legge n.186 del 01/03/68, dalla legge n° 46/90 (per gli impianti realizzati prima del 27/03/2008) e dal D.M. n° 37/08 (per gli impianti realizzati dopo il 27/03/2008) e saranno conformi alle vigenti norme C.E.I.

Verrà effettuato il calcolo per la verifica della protezione contro i fulmini (ai sensi della norma CEI 81-10).

Impianti di riscaldamento e produzione vapore

Al secondo piano in copertura, sarà presente una centrale termica in cui saranno installate n°3 caldaie per la produzione di vapore necessario al ciclo produttivo e per il riscaldamento degli ambienti.

Le caldaie saranno alimentate a gas metano e avranno potenzialità rispettivamente pari a 1396 Kw + 821 Kw + 187,5 Kw.

Impianti di refrigerazione

Come già detto saranno presenti n°2 centrali di refrigerazione ad ammoniaca.

I quantitativi di NH3 in ciclo saranno rispettivamente di 600 kg per la centrale sul lato Nord- Est e di 1000 kg in quella sul lato Sud-Est.

Entrambi gli impianti saranno realizzati nel rispetto di quanto previsto dal Regio Decreto 147 del 9/01/1927 e D.M. 10/06/1980.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 17

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

Impianti produzione aria compressa

Saranno presenti impianti tecnologici destinati alla produzione di aria compressa, ubicati sul lato nord-ovest dello stabilimento

7.1.8AREE A RISCHIO SPECIFICO

Le aree a rischio specifico saranno fondamentalmente la centrale termica in copertura, le due centrali frigorifere ad ammoniaca e la zona esterna di deposito oli vegetali in silos sul lato nord. Per tali attività si rimanda ai relativi paragrafi nel seguito della presente.

Per quanto riguarda i depositi, saranno presenti diverse aree alcune delle quali a temperature di – 20 °C, nelle quali verranno stoccati i materiali prevalentemente su scaffalatura.

I materiali presenti saranno costituiti sostanzialmente dagli imballi in carta, legno e materiali plastici, oltre che ovviamente dal gelato e dalle materie prime utilizzate per realizzarlo.

Il calcolo del carico di incendio ha evidenziato una classe 30 per l’area Nord ed una classe 60 per l’area Sud, sia relativa all’intero comparto che per i singoli depositi.

7.2DESCRIZIONE DELLE CONDIZIONI AMBIENTALI

7.2.1CONDIZIONI DI ACCESSIBILITA’ E VIABILITA’

L’insediamento sorgerà nella zona industriale di Bentivoglio.

L’area risulterà facilmente raggiungibile dai mezzi di soccorso antincendio e l’accesso sarà garantito dai passi carrai sul lato est del confine di proprietà.

Confini:

- lato Est: Via Romagnoli

- lato Sud e Ovest: altre attività industriali ( a circa 10 m dal fabbricato G7) - lato Nord: autostrada (a circa 20 m dal fabbricato G7).

Per quanto riguarda la viabilità interna, il lato est presenterà restringimenti fino a 2,5 m in corrispondenza dell’angolo sud-ovest e degli impianti di compressione aria e silos soda.

I lati nord, est e sud presenteranno invece larghezze minime per il passaggio degli automezzi pari a 4,5 m almeno.

Pertanto si può ritenere il perimetro del fabbricato risulti in sostanza accessibile su tre dei quattro lati da parte degli automezzi VV.F..

Le aree interne all’insediamento invece saranno accessibili dai numerosi accessi costituiti da porte e portoni.

Per una più chiara comprensione di quanto sopra descritto si rimanda alle planimetrie in allegato.

7.2.2LAY-OUT AZIENDALE (DISTANZIAMENTI, SEPARAZIONI, ISOLAMENTO)

Non saranno presenti attività normate per cui siano prescritte distanze di sicurezza e/o protezione.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 18

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

Per quanto riguarda le attività specifiche saranno invece previste opportune compartimentazioni. Sulla Planimetria AG1, riportata in allegato, sono indicate le distanze tra le strutture ed i confini di proprietà.

7.2.3 CARATTERISTICHE DEGLI EDIFICI

Il fabbricato in oggetto è di tipo industriale.

Il fabbricato si sviluppa fondamentalmente su di un piano, mentre gli uffici presenteranno anche piano primo e secondo.

La superficie totale coperta sarà di circa 4800 m2. L’altezza delle diverse aree sarà molto variabile.

Per quanto riguarda i depositi e le aree produttive si tratterà di volumi unici con altezze che andranno dai 9 m sotto trave per l’area Nord agli 11 m per l’area Sud.

Gli uffici ed altri ambienti interni invece andranno dai 2,90 m fino a 4,30.

Le altezze delle diverse aree sono chiaramente individuabili dalle sezioni in allegato. All’interno del complesso non saranno presenti piani interrati.

Compartimentazioni

Per quanto riguarda le compartimentazioni si individuano due grandi comparti separati con strutture REI 60, l’area Sud e l’area Nord.

All’interno di queste saranno poi presenti le centrali frigo ad ammoniaca separate con strutture REI 120 rispetto ai locali non pertinenti e la cabina di trasformazione lato Sud, anch’essa REI 120 rispetto ai locali adiacenti.

Per quanto riguarda infine la centrale termica in copertura , sarà prevista una compartimentazione REI 120 a pavimento rispetto ai locali sottostanti e REI 30 rispetto alle pareti adiacenti del fabbricato, trattandosi di installazione in locale esterno, come meglio evidenziato nel seguito della presente relazione.

Con riferimento alle sezioni riportate in allegato, si riassumono pertanto di seguito le caratteristiche del fabbricato.

•Superficie coperta: ……………………………………………………….4.800 m2

•Altezze:

−altezza massima: …………………………………………….…….…...12,70 m

−altezza massima sottotrave: ……..…………………………………….11,50 m

−altezza minima : ………………..………………………………………….2,90 m

•Strutture portanti:

Le strutture portanti verticali ed orizzontali saranno in CLS armato. I tegoli di copertura saranno in cls precompresso.

Il locale esterno in cui sarà ubicata la centrale termica sarà invece in acciaio.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 19

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

Le strutture portanti ed i tegoli garantiranno un grado di resistenza al fuoco pari ad almeno R 60 per l’area Sud e R30 per quella Nord.

Per le centrali frigo sarà garantito l’R120 per tutte le strutture portanti.

Per il locale centrale termica invece sarà prevista esclusivamente l’incombustibilità delle strutture e cioè la classe 0.

I requisiti di resistenza al fuoco degli elementi strutturali sono stati determinati secondo le modalità di cui al D.M. 16/02/2007.

•Tamponamenti laterali:

I tamponamenti laterali esterni saranno realizzati principalmente con pannelli prefabbricati di calcestruzzo.

•La pavimentazione sarà di tipo industriale.

•Il manto di copertura sarà realizzato con tegoli in cls precompresso.

•Pannelli Celle B/T: le celle frigo interne al fabbricato saranno tamponate con pannelli sandwich in lamiera e poliuretano.

7.2.4AERAZIONE

L’areazione dei locali sarà garantita da:

-finestrature apribili ricavate sulle pareti.

-lucernari realizzati sulla copertura

Sarà garantita in sostanza la superficie aerante conforme al regolamento edilizio comunale vigente.

Si sottolinea che per quanto riguarda le celle B/T non sarà possibile prevedere superfici aeranti, poiché la necessità di mantenere temperature di molto al di sotto degli 0°C, è incompatibile con la realizzazione di finestrature e infissi, che comporterebbero un enorme dispendio in termini energetici.

In effetti tutti i tamponamenti verticali ed orizzontali saranno in pannelli sandwich in lamiera e poliuretano e dunque senza particolari requisiti di resistenza al fuoco.

In caso di incendio è ragionevole ritenere che tali pannelli cedano dunque facilmente ed in breve tempo, garantendo uno sfogo dei prodotti caldi della combustione e del fumo attraverso le aperture ed i lucernari del fabbricato stesso.

Per l’aerazione delle aree a rischio specifico si rimanda ai paragrafi di pertinenza nel seguito della relazione.

7.2.5AFFOLLAMENTO

Saranno impiegati circa 175 addetti suddivisi in circa 140 per la produzione e 35 negli uffici.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 20

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

Questo sarà l’affollamento massimo previsto ma, in base al numero di vie di esodo e uscite di sicurezza presenti per le diverse aree e i diversi piani, verrà di seguito identificata la capacità di deflusso massima.

7.2.6VIE DI ESODO

I percorsi utilizzabili per lo sfollamento comprenderanno tratti piani ed in discesa

Tutti i percorsi di sicurezza presenteranno pavimentazione non sdrucciolevole, saranno mantenuti costantemente sgombri e risulteranno idoneamente segnalati ed illuminati anche in condizioni di emergenza.

Le disposizioni relative alla installazione ed alla manutenzione dei dispositivi per l'apertura delle porte, installate lungo le vie di esodo, saranno conformi a quanto in merito previsto dal DM 03/11/2004, nonché dalla successive Lettera Circolare, protocollo n°10493, del 14/12/2004.

In tutta l’attività i passaggi interni avranno larghezza in ogni punto non inferiore a 0,8 m e le porte, poste in corrispondenza di uscite di sicurezza, avranno larghezza non inferiore a 0,8 m e apertura nel verso dell’esodo.

Nella scelta della lunghezza dei percorsi riportati nelle lettere c) ed e) del punto 3.3 del D. M. 10/3/1998, non sono rilevabili casi in cui il luogo di lavoro sia:

-frequentato da pubblico;

-utilizzato prevalentemente da persone che necessitano di particolare assistenza in caso di emergenza;

-utilizzato quale area di riposo;

-utilizzato quale area dove sono depositati e/o manipolati materiali infiammabili.

I luoghi di lavoro saranno utilizzati dunque principalmente da lavoratori e non vi saranno depositati e/o manipolati materiali infiammabili

Pertanto, classificando l’intera attività a rischio di incendio medio, saranno adottate le distanze maggiori ovvero i 30 m di lunghezza massima qualora i percorsi siano monodirezionali e 45 m massimi se bidirezionali.

Nel caso di cul de sac (come nelle aree uffici lato nord del piano primo e secondo) sarà possibile raggiungere il punto in cui inizia la disponibilità di due vie di esodo entro i 30 m, mentre l’uscita di emergenza più prossima sarà raggiungibile comunque entro i 45 m, come previsto dal D.M. 10/03/1998.

Si evidenzia che nell’assetto delle vie di esodo, saranno realizzate n° 2 scale esterne sui lati ovest e sud, secondo definizione del D.M. 30/11/1983, che costituiranno dunque uscite di piano ai sensi del D.M. 10/03/1998 ovvero luoghi sicuri.

Ciascuna delle due scale esterne risulterà infatti “totalmente esterna, rispetto al fabbricato servito, munita di parapetto regolamentare e di altre caratteristiche stabilite dalla norma”.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 21

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

Si segnala infine che in corrispondenza delle uscite di emergenza delle celle frigorifere e di altre aree ove è previsto il controllo delle temperature, saranno installate delle contro porte in PVC trasparente, apribili a semplice spinta in entrambi i sensi e prive di dispositivi di apertura, che avranno la funzione di contenere le dispersioni di freddo dall’interno delle celle verso l’esterno.

Tali contro porte, denominate “flap” in planimetria, ragionevolmente non costituiranno impedimenti od ostacolo particolari lungo le vie di esodo e si ritiene che possano essere considerate conformi a quanto disposto dall’allegato IV del D.lgs 81/08 e s.m.i..

Per la cella B/T area nord-ovest, si evidenzia che, sarà realizzato un passaggio al di sotto delle scaffalature di larghezza minima 0,8 m e altezza 2 m, come da planimetria allegata AG1.

Per quanto riguarda infine il verso di apertura delle porte dei locali e la relativa larghezza, sarà rispettato , quanto indicato nell’allegato IV punto 1.6.

Riassumendo, per il dimensionamento delle vie di uscita sono stati adottati i seguenti criteri:

-la lunghezza del percorso necessario al raggiungimento del luogo sicuro non sarà mai superiore ai 45 m qualora bidirezionale e 30 m se monodirezionale;

-la capacità di deflusso, per i percorsi in piano, sarà pari a 50 persone per ogni modulo di uscita di 60 cm di larghezza;

-la capacità di deflusso, per i percorsi in discesa, sarà pari a 50 persone per ogni modulo di uscita di 60 cm di larghezza;

-tutte le uscite ed i percorsi di esodo avranno una larghezza non inferiore a 0.80 m, altezza non inferiore a 2.00 m e non presenteranno allargamenti o restringimenti;

-per le porte da 80 cm la tolleranza da considerare sarà pari al 2% e per quelle da 120 il 5% come disposto dal D.lgs. 81/08.

Ubicazione e caratteristiche delle uscite di sicurezza previste sono rappresentate sulle piante in allegato.

Saranno presenti cioè:

Livello

Destinazione d’uso

Numero addetti

Uscite di Emergenza

Capacità di deflusso

Piano terra

Area Nord e Sud

175 totali

n. 11 da 0.80 m ed

n.11 x 50 =

 

 

 

altezza minima 2.00

550 persone

 

 

 

m

 

 

Reparto Produttivo

Max 100

n. 2 da 0.80 m ed

n.2 x 50 =

 

Area Nord

 

altezza minima 2.00

100 persone

 

 

m

 

 

 

 

 

 

Produzione Area

Max 100

n. 3 da 0.80 m ed

n.3 x 50 =

 

Sud

 

altezza minima 2.00

150 persone

 

 

m

 

 

 

 

 

 

Celle frigo

Max 5

Minimo n. 1 da 0.80

n.1 x 50 =

 

 

 

m ed altezza minima

50 persone

 

 

 

2.00 m

 

Piano

Produzione

Max 50

n. 1 da 0.80 m ed

n.1 x 50 =

Primo

 

 

altezza minima 2.00

50 persone

 

 

m

 

 

 

 

 

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 22

Relazione tecnica di prevenzione incendi NUOVO INSEDIAMENTO

Livello

Destinazione d’uso

Numero addetti

Uscite di Emergenza

Capacità di deflusso

Piano

Spogliatoi

Max 50

n. 1 da 0.80 m ed

n.1 x 50 =

Primo

 

 

altezza minima 2.00

50 persone

 

 

m

 

 

 

 

 

 

Ufficio Spedizione

Max 10

n. 1 da 0.80 m ed

n.1 x 50 =

 

 

 

altezza minima 2.00

50 persone

 

 

 

m

 

 

 

 

 

 

 

Uffici e laboratori

Max 50

n. 1 da 0.80 m ed

n.1 x 50 =

 

lato nord

 

altezza minima 2.00

50 persone

 

 

m

 

 

 

 

 

Piano

Uffici

Max 50

n. 3 da 0.80 m ed

n.3 x 50 =

Secondo

 

 

altezza minima 2.00

150 persone

 

 

m

 

 

 

 

 

Nella colonna numero addetti è indicato il numero stimato come eventualmente presente. Il numero complessivo previsto per l’intero stabilimento rimane di 175, mentre l’affollamento occasionale per ogni area è dato dalla capacità di deflusso.

Visti i criteri sopra elencati, viste le caratteristiche delle vie d’uscita previste, considerato il numero di persone eventualmente presenti in massime condizioni di affollamento ipotizzabili si può affermare che dette vie risultano ampiamente sufficienti ed in grado di consentire un esodo ordinato e sicuro degli occupanti in caso di emergenza.

7.3 VALUTAZIONE QUALITATIVA DEL RISCHIO INCENDIO

Gli obiettivi di sicurezza assunti sono quelli stabiliti dal D.M. 9/03/2007.

Cioè, al fine di limitare i rischi derivanti dagli incendi, il fabbricato sarà progettato, realizzato e gestito in modo da garantire:

•La stabilità degli elementi portanti per un tempo utile ad assicurare il soccorso degli occupanti;

•La limitata propagazione del fuoco e dei fumi, anche riguardo alle opere vicine;

•La possibilità che gli occupanti lascino l’opera indenni o che gli stessi siano soccorsi in altro modo;

•La possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza.

I requisiti di protezione delle costruzioni dagli incendi, finalizzati al raggiungimento degli obiettivi suddetti, sono garantiti attraverso l'adozione di misure e sistemi di protezione attiva e passiva. Tutte le misure e i sistemi di protezione, adottati nel progetto ed inseriti nella costruzione, saranno adeguatamente progettati, realizzati e mantenuti secondo quanto prescritto dalle specifiche normative tecniche o dalle indicazioni fornite dal produttore al fine di garantirne le prestazioni nel tempo.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 23

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

L'individuazione dei valori che assumono i parametri posti a base della determinazione delle azioni di progetto e' a carico dei soggetti responsabili della progettazione. Il mantenimento delle condizioni che determinano l'individuazione dei suddetti valori e' a carico dei titolari delle attività.

IDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI DI INCENDIO Materiali combustibili e/o infiammabili:

Gli unici materiali presenti, potenzialmente infiammabili, saranno costituiti dal metano e dall’ammoniaca. I locali a rischio specifico saranno realizzati secondo le rispettive regole tecniche vigenti. Le piccole quantità di prodotti per la pulizia saranno ubicate in appositi armadi metallici qualora all’interno dell’attività e dunque non costituiranno particolari pericoli.

I materiali combustibili presenti invece risulteranno essere fondamentalmente gli imballi (carta, legna e plastica) e le materie prime costituenti il gelato.

Quest’ultimo è stato infatti ragionevolmente considerato come non partecipante all’eventuale combustione, poiché costituito per il 70% (dato di letteratura) da acqua.

Peraltro la maggior parte degli imballi risulterà essere all’interno delle celle refrigerate che, vista la presenza di notevoli quantità di gelato e dunque di acqua e viste le bassissime temperature sarà di difficile innesco, rispetto a depositi in normali condizioni di temperatura e di solo imballo, e quindi con sviluppo dell’incendio probabilmente molto lento.

In ogni caso, il calcolo del carico di incendio ha evidenziato una classe massima pari a 60 per l’area Sud e 30 per quella Nord.

Da sottolineare ancora che la gran parte degli imballi viene stoccata in un fabbricato diverso isolato rispetto a quello in oggetto.

Non saranno presenti:

-vernici e solventi infiammabili;

-adesivi infiammabili;

-grandi quantità di manufatti infiammabili;

-prodotti chimici che possono essere da soli infiammabili o che possono reagire con altre sostanze provocando un incendio;

-prodotti derivati dalla lavorazione del petrolio;

-vaste superfici di pareti o solai rivestite con materiali facilmente combustibili.

Sorgenti di innesco:

Nei luoghi di lavoro non saranno presenti:

-attività di saldatura;

-macchine ed apparecchiature in cui si produce calore non installate e utilizzate secondo le norme di buona tecnica;

-fiamme libere;

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 24

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

-attrezzature elettriche non installate e utilizzate secondo le norme di buona tecnica;

-fiamme o scintille dovute a processi di lavoro quali taglio e affilatura di metalli;

Si individuano esclusivamente le seguenti potenziali sorgenti di innesco:

1.Aree a rischio specifico: le centrali frigo ad ammoniaca e la centrale termica a metano saranno realizzate secondo le relative norme tecniche vigenti.

2.Surriscaldamenti o corto circuiti dell’impiantistica elettrica. Non saranno presenti ovviamente lavorazioni. Tutti gli impianti saranno realizzati secondo le vigenti norme CEI.

3.Mozziconi di sigarette: in tutte le aree di stabilimento sarà istituito il “DIVIETO DI FUMARE”. Saranno individuate aree ove sarà consentito fumare, all’interno delle quali saranno messi a disposizione portacenere che dovranno essere svuotati regolarmente.

I portacenere non saranno svuotati in recipienti costituiti da materiali facilmente combustibili, né il loro contenuto sarà accumulato con altri rifiuti.

4.Atti vandalici: lo stabilimento risulterà recintato e presidiato.

5.Agenti atmosferici: sarà effettuata la Valutazione Rischio Fulminazione ai sensi dell’art.84 del D.Lgs. 81/08 ai sensi delle norme CEI 81/10.

IDENTIFICAZIONE DEI LAVORATORI E DI ALTRE PERSONE PRESENTI ESPOSTI A RISCHI DI INCENDIO

Gli unici addetti esposti a rischi particolari in caso di incendio saranno quelli interessati alle operazioni relative all’impiego del gas ammoniaca. Tale personale sarà debitamente ed adeguatamente addestrato e dotato di autorizzazione rilasciata dalla Commissione Gas Tossici, secondo R.D. 147 del 1927.

Non sono previste:

-persone la cui mobilità, udito o vista sia limitata;

-pubblico occasionale in numero tale da determinare situazione di affollamento;

-persone che possono essere incapaci di reagire prontamente in caso di incendio o possono essere particolarmente ignare del pericolo causato da un incendio, poiché lavorano in aree isolate e le relative vie di esodo sono lunghe e di non facile praticabilità;

-aree di riposo.

7.4COMPENSAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO (STRATEGIA ANTINCENDIO)

In fase di progettazione del luogo di lavoro è stato quindi identificato e valutato ogni pericolo di incendio e adottate le misure per eliminarlo o ridurlo.

A tal proposito sono state adottate le seguenti misure:

-resistenza al fuoco delle strutture compatibile con il carico d’incendio previsto;

-impianto idrico antincendio (UNI 10779/02) con caratteristiche per aree di livello 2 con protezione interna ed esterna;

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 25

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

-Impianto di segnalazione allarme incendio realizzato secondo UNI 9795.

-realizzazione di percorsi di esodo ampiamente dimensionati rispetto al personale presente;

-istituzione del “divieto di fumare ed usare fiamme libere” in tutte le aree di stabilimento.

7.4.1SEGNALETICA

La segnaletica di sicurezza, finalizzata alla sicurezza antincendio, presenterà le caratteristiche di cui al D.Lgs. 9/04/2008 n. 81.

In particolare saranno installati cartelli indicanti:

-le uscite di emergenza ed i percorsi di esodo;

-i presidi antincendio (estintori ed idranti);

-i dispositivi di sezionamento energia elettrica (interruttori elettrici generali di emergenza);

-il divieto di usare acqua sui quadri elettrici ;

-il divieto di fumare ed usare fiamme libere in tutto il reparto produttivo;

7.4.2ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA

Il sistema di illuminazione di sicurezza sarà conforme alle vigenti norme C.E.I.

L’impianto sarà sottoposto ad un programma di verifica e manutenzione a cura dei preposti incaricati.

I controlli saranno annotati su apposito registro

L'attività sarà dotata di pulsanti di sgancio elettrico, in prossimità delle cabine elettriche, in grado di togliere tensione agli impianti elettrici interni, ubicato in posizione accessibile anche in caso di incendio.

Lo stesso sarà realizzato in modo tale che la ri-alimentazione dell'impianto richieda un'azione volontaria.

Per effetto dell’azione sul pulsante non si troveranno, all’interno dei compartimenti serviti, apparecchiature elettriche alimentale a tensioni pericolose per il corpo umano, da eventuali gruppi di continuità, e in tal caso sarà previsto un ulteriore pulsante di sgancio esterno, a questi dedicato, con modalità di funzionamento ben evidenziata tramite appositi cartelli.

In particolare sarà presente anche un pulsante di sgancio per l’impianto fotovoltaico che sarà installato sulla copertura del deposito isolato, sito in via Romagnoli 17 (per il quale è in essere la pratica VV.F. n° 56409 e un progetto approvato con nota prot.13891/2012 in corso di realizzazione) ma che alimenta il fabbricato in oggetto.

7.4.3ESTINTORI

La distribuzione verrà fatta secondo D.M. 10/03/1998 in ragione di 1 estintore a polvere da 6 kg con potere estinguente 55A233BC ogni 200 m2.

Saranno presenti i seguenti estintori:

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 26

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

ZONA

NUMERO E TIPOLOGIA DI ESTINTORI PRESENTI

PIANO TERRA

N. 24

estintori pressurizzati a polvere (6 kg), capacità

 

estinguente pari ad almeno 55A 233 BC.

 

 

 

 

 

PIANO PRIMO

N. 6

estintori pressurizzati a polvere (6 kg), capacità

 

estinguente pari ad almeno 55A 233 BC.

 

 

 

 

 

PIANO SECONDO

N. 4

estintori pressurizzati a polvere (6 kg), capacità

 

estinguente pari ad almeno 55A 233 BC.

 

 

 

 

 

CENTRALE TERMICA

N. 3

estintori pressurizzati a polvere (6 kg), capacità

 

estinguente pari ad almeno 21A 89 BC.

 

 

 

 

 

Ogni estintore presente sarà:

-idoneamente segnalato da apposita cartellonistica, visibile anche a distanza,

-opportunamente numerato per la univoca individuazione in caso di interventi di vigilanza o manutentivi,

-fissamente ancorato a parete o altro supporto con possibilità di agevole e rapido sgancio senza necessità di supporti ausiliari,

-sottoposto alle verifiche semestrali a cura dei relativi responsabili (i controlli saranno annotati su apposito registro)

L’esatta disposizione di tali mezzi di estinzione è indicata sulle piante allegate.

7.4.4RETE IDRICA ANTINCENDIO

A seguito delle considerazioni scaturite dalla valutazione qualitativa del rischio incendio e relative misure di compensazione del rischio introdotte, sarà realizzata una rete idrica antincendio a norma UNI 10779/07 per aree di livello 2, con protezione interna ed esterna.

La rete risulterà costituita da:

¾n. 9 idranti UNI 45 a cassetta

¾N. 17 naspi

¾N. 4 UNI 70 soprasuolo

¾N.4 UNI 70 sottosuolo

¾N.1 attacco VV.F.

PROTEZIONE INTERNA.

L'impianto sarà in grado di garantire una portata, per ciascun idrante a muro DN 45, non minore di 0.002 mc/s (120 l/min) ad una pressione residua non minore di 0.2 MPa (2bar) considerando simultaneamente operativi almeno 3 idranti ubicati nella posizione idraulicamente più sfavorevole.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 27

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

PROTEZIONE ESTERNA.

Inoltre per la protezione esterna, ma senza contemporaneità con la protezione interna, sarà garantita una portata, per ciascun attacco DN 70 non minore di 0.005 mc/s (300 l/min) ad una pressione residua non minore di 0.3 MPa, considerando simultaneamente operativi non meno di 4 attacchi ubicati nella posizione idraulicamente più sfavorita.

L'alimentazione idrica sarà in grado di garantire l'erogazione prevista per almeno 60 minuti. Qualora venisse realizzato un gruppo di pompaggio con riserva idrica , verranno seguite le norme UNI 10779, UNI 12845 e UNI 11292.

Allo stato attuale di progetto è prevista la realizzazione di una alimentazione condominiale ovvero un gruppo di pompaggio e riserva idrica in grado di alimentare la rete antincendio a servizio sia del fabbricato in oggetto che di quello di Via Romagnoli 17 (Prat. VVF n° 56409).

Conformemente alle suddette norme l’alimentazione garantirà CONTEMPORANEAMENTE le prestazioni per uno solo dei due fabbricati, tra quello in oggetto e quello di Via Romagnoli 17 (Prat. VVF n° 56409) e cioè per n°4 UNI 70 a 3 bar e 300 l/min per 60 min.

Qualora l’anello dovesse essere unico, saranno previsti sezionamenti tali che eventuali malfunzionamenti o guasti alla rete di pertinenza di uno dei due fabbricati non comprometta la funzionalità della rete a servizio dell’altro, ovvero i due rami di impianto saranno comunque sezionabili in modo da essere indipendenti.

In prossimità di ogni idrante sarà presente una cassetta dotata di:

-n.1 manichetta UNI 45 di lunghezza 20 m conforme alla norma UNI EN 14540 –2007;

-n.1 lancia a getto regolabile - a più effetti - conforme alla norma UNI-EN 671/2;

-n.1 manichetta UNI 25 di lunghezza 30 m conforme alla norma UNI EN 694:2007; ,

-n.1 lancia a getto regolabile - a più effetti - conforme alla norma UNI-EN 671/1 per i naspi;

-n.1 manichetta UNI 70 di lunghezza 20 m conforme alla norma UNI 9487;

-n.1 lancia a getto regolabile - a più effetti - conforme alla norma UNI-EN 671/2;

-n.1 chiave di manovra e n.1 collo di cigno per UNI 70 sottosuolo;

-n.1 chiave di manovra per UNI 70 soprasuolo;

-cartello identificativo dell’idrante,

Tutta la rete sarà protetta dal gelo ed alimentata con condotte ad anello tenute sempre in pressione.

L’intero impianto sarà sottoposto ad un programma di verifica e manutenzione semestrale a cura dei preposti incaricati.

Detti controlli sono annotati su apposito registro.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 28

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

7.4.5IMPIANTO DI SEGNALAZIONE E ALLARME INCENDIO

L’intero stabilimento sarà protetto da impianto di segnalazione e allarme incendio a norma UNI 9795.

Non sarà previsto invece impianto di rilevazione in quanto le lunghezze dei percorsi d’esodo sono pienamente conformi a quanto previsto dal D.M. 10/03/1998 e non sussiste dunque la necessità di anticipare l’esodo degli occupanti in caso di emergenza.

Invece, le porte e i portoni tagliafuoco dislocati nelle pareti di compartimentazione, qualora mantenuti normalmente aperti durante le lavorazioni, saranno dotati di meccanismi di autochiusura comandati da almeno n°2 singoli rilevatori puntiformi posizionati nelle immediate vicinanze dell’apertura, in modo da evitare che i prodotti della combustione possano passare da un compartimento all’altro.

7.4.6IMPIANTO DI RILEVAZIONE AMMONIACA

Nelle centrali frigo, conformemente alle regole tecniche vigenti, saranno installati impianti di rilevazione ammoniaca.

7.5GESTIONE DELL’EMERGENZA

7.5.1GESTIONE DELLA SICUREZZA

Il responsabile dell’attività e/o i preposti da esso delegati o incaricati provvederanno affinchè:

•siano sempre mantenute sgombre ed agibili le vie d’uscita;

•siano rispettate procedure di sicurezza (specifiche in funzione del rischio incendio) in occasioni di particolari situazioni quali: manutenzione, risistemazione, ecc;

•siano mantenuti efficienti i presidi antincendio, l’impianto di illuminazione di emergenza attraverso controlli, verifiche e manutenzioni periodiche;

•siano mantenuti costantemente in buono stato gli impianti tecnologici di servizio grazie a programmi di verifica e manutenzione periodica.

Attività particolari:

a)Lavori di Manutenzione e Ristrutturazione: saranno sempre rispettate le fondamentali misure di sicurezza, nel caso in cui si dovesse intervenire su impianti o attrezzature che comportano un particolare rischio di incendio queste saranno temporaneamente disattivate. Al fine di mantenere un elevato standard di sicurezza saranno effettuati controlli, verifiche e interventi di manutenzione periodici su tutti gli impianti e attrezzature che possono essere causa di pericoli.

b)Rifiuti e scarti di lavorazione combustibili: tutti i prodotti di scarto combustibili verranno tempestivamente raccolti e smaltiti secondo le procedure specifiche. Le zone di lavoro saranno tenute adeguatamente pulite.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 29

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

I rifiuti e scarti di lavorazione combustibili non saranno depositati, neanche in via temporanea, lungo le vie di esodo (corridoi, scale, disimpegni) e vicino a sorgenti di ignizione.

L'accumulo di scarti di lavorazione sarà evitato. Ogni scarto o rifiuto sarà rimosso giornalmente.

Ogni scarto o rifiuto dovrà essere depositato in un’area idonea, preferibilmente fuori dell’edificio

c)Aree non frequentate: Le aree normalmente non frequentate da personale e ogni area dove un incendio potrebbe svilupparsi senza essere individuato rapidamente saranno tenute libere da materiali combustibili non essenziali. Saranno inoltre adottate precauzioni per proteggere tali aree contro l’accesso di persone non autorizzate.

d)Mantenimento delle misure antincendio: I lavoratori addetti alla prevenzione incendi effettueranno regolari controlli per accertare l'efficienza delle misure di sicurezza antincendio, durante tali controlli utilizzeranno liste di controllo. Al termine dell’orario di lavoro saranno effettuati specifici controlli affinché il luogo stesso sia lasciato in condizioni di sicurezza, in particolare:

-Controlleranno che tutte le porte resistenti al fuoco siano chiuse;

-Controlleranno che le apparecchiature elettriche che non devono restare in servizio siano messe fuori tensione.

-Controlleranno che tutte le fiamme libere siano spente o lasciate in condizioni di sicurezza.

-Controlleranno che tutti i rifiuti e gli scarti combustibili siano stati rimossi.

-Controlleranno che tutti i materiali infiammabili siano stati depositati in luoghi sicuri.

I lavoratori segnaleranno agli addetti alla prevenzione incendi ogni situazione di potenziale pericolo di cui vengano a conoscenza.

-Sarà tenuto aggiornato il registro dei controlli secondo quanto previsto dal D.lgs 81/08.

e)Sarà istituita una squadra di addetti designati all’antincendio in possesso di formazione teorico-pratica secondo quanto stabilito dal D.M. 10/03/98;

Nel presente luogo di lavoro non si svolgeranno attività di cui all’allegato X del D.M. 10/03/1998.

f)Esercitazione Antincendio: verrà attuato il piano di emergenza secondo quanto previsto dal D.M. 10/03/1998; tutti i lavoratori riceveranno una formazione specifica sui comportamenti da tenere per evitare situazioni di pericolo e su come comportarsi in caso di emergenza. Verranno fatte esercitazioni pratiche di applicazione del piano di emergenza ed evacuazione con cadenza annuale.

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 30

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

7.5.2CLASSIFICAZIONE DEL LIVELLO DI RISCHIO D’INCENDIO

Sulla base della valutazione dei rischi effettuata secondo quanto prescritto dal D.M. 10 marzo 1998, i luoghi di lavoro oggetto della presente domanda vengono classificati a rischio di incendio

MEDIO.

7.5.3PIANO DI EMERGENZA

Ai sensi di quanto prescritto dal D.Lgs.81/08 e D.M. 10/3/98 sarà predisposto specifico piano di emergenza.

Sarà distribuito materiale informativo a tutti i dipendenti con precise istruzioni da tenere in caso di situazioni di emergenza, sarà svolta l’opportuna formazione a tutti i dipendenti sui rischi presenti nell’attività lavorativa con particolare riferimento alle emergenze relative all’incendio. Saranno predisposti avvisi scritti che riportino le azioni essenziali che devono essere attuate in caso di allarme o di incendio, con l'eventuale aggiunta di semplici planimetrie indicanti le vie di esodo ed i punti di raccolta.

Al fine di assicurare che le persone presenti nel luogo di lavoro siano avvisate di un principio di incendio prima che esso minacci la loro incolumità sarà installato idoneo sistema di segnalazione allarme, di tipo elettrico, secondo UNI 9795. Il segnale di allarme risulterà udibile chiaramente in tutto il luogo di lavoro o in quelle parti dove l'allarme è necessario.

In quelle parti dove il livello di rumore può essere elevato, o in quelle situazioni dove il solo allarme acustico non è sufficiente, saranno installati in aggiunta agli allarmi acustici anche segnalazioni ottiche, pur tenendo presente che i segnali ottici non potranno mai essere utilizzati come unico mezzo di allarme.

L'allarme darà l’avvio alla procedura per l'evacuazione del luogo di lavoro nonché l'attivazione delle procedure d'intervento.

All’interno dell’attività, scelti tra il personale normalmente presente, saranno designati e formati gli addetti incaricati ad attuare le misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell’emergenza.

L'intera attività sarà quindi dotata di un impianto elettrico di allarme incendio ad attivazione manuale, di caratteristiche conformi alle disposizioni del DM 10/03/1998, i cui pulsanti saranno segnalati tramite appositi cartelli.

8 ATTIVITA’ REGOLATE DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDI

8.1Centrale Termica

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 31

Relazione tecnica di prevenzione incendi

NUOVO INSEDIAMENTO

Attività 74.3.C.

Impianti per la produzione del calore alimentati a combustibile solido, […] con potenzialità superiore a 700 kW

8.2Centrali Frigo ad Ammoniaca

Attività 70.2.C.

Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas infiammabili e/o comburenti con quantità globali in ciclo superiori a 25 Nm3/h.

8.3Deposito oli vegetali

Attività 12.3.C.

Depositi e/o rivendite di liquidi infiammabili e/o combustibili e/o oli lubrificanti, diatermici, di qualsiasi derivazione, di capacità geometrica complessiva

superiore a 1 m3

G7 s.r.l. –via Romagnoli n° 19, Bentivoglio (BO)

Pag. 32